Labentia

Torno a casa come un rimescolo di catrame
tuo ricordo il silenzio di una diffida
sei risalita dal cuore
dalla polvere che muore
ti trovo all’apice della mia vecchia camera
parli di una rivoluzione astrale
qualcosa che non capisco
diffido e mi vendico della parola
torno collagene, parola calcificata
diffido e spengo la luce
tu sei l’antidoto del bene
parola inutilizzata.