Raggomitolato

Il bisogno tuo
di tenere attenzioni
sonnecchia raggomitolato
ai piedi dei miei pensieri.
Attende, ritto l’orecchio,
il sospiro del mio risveglio
e del buongiorno l’augurio.

Intimo è il suo desiderio
di lieve presenza…
di salda costanza.
Il saper di aver un posto suo nella mia stanza…
ne allieta il dì,
anche nella mia prolungata assenza.

E al calar della sera
gaia la schiena stiracchia
e della giornata ogni fatica
su di me via struscia.
Ah… che pienezza quando,
irradiando il suo calore dolce,
sul grembo dei miei pensieri
alfine si assopisce…