Innuendo

Bocca d’ombra
sulle scorie della pioggia ambrata a riesumarti
su quei riflessi atipici
che il mio professore chiamava schermi.
In una gioia che latra, una bocca
di rame e una bara di giunzioni la mia
accoglie tanto quanto poi respinge. E ama.